Dal 30 aprile al 3 maggio Napoli…

Il capoluogo campano ospi…

La FDA si pronuncia, con limitaz…

[caption id="attachment_5…

I ricercatori di Graz: l’attivit…

Un recente studio dei ri…

Da enzima digestivo ad arma vele…

In un toporagno e in una …

Staminali pluripotenti: non poss…

[caption id="attachment_7…

Caffe': ottimo alleato del fegat…

[caption id="attachment…

Brachiterapia efficace contro ca…

La brachiterapia e' solit…

Congresso AASLD - COMUNICATO BOE…

Il trattamento+ orale per…

Cancro ai testicoli: scoperto in…

Scoperto un interrut…

Alec Jeffreys e il gene 'folle' …

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Riparare la retina con cellule proprie

 

cellule retiniche e cellule staminali

Il kit dei ‘pezzi di ricambio’ del corpo umano si arricchisce di nuove parti. Un team di ricercatori americani dell’Universita’ del Wisconsin-Madison e’ infatti riuscito a ricostruire in laboratorio cellule della retina nuove di zecca, a partire da due tipi di staminali simil-ebrionali derivate dalla pelle.
Insomma, in futuro i danni della retina potranno essere curati utilizzando cellule ottenute proprio da pelle prelevata dal paziente da trattare.


La scoperta e’ descritta dal gruppo diretto dall’oftalmologo David Gamm e dal ricercatore Jason Meyer sull’ultimo numero di ‘Pnas’.




“Si tratta di un passo avanti importante, perche’ non solo conferma che cellule retiniche diverse possono essere ottenute da cellule staminali simil-embrionali ringiovanite (iPS, staminali pluripotenti indotte), ma anche che questo processo e’ simile al normale sviluppo della retina”, precisa Gamm. Le cellule della pelle sono state fatte ‘ringiovanire’ usando l’approccio messo a punto proprio nell’ateneo Usa da James Thomson, che nel 2007 aveva annunciato la creazione delle prime staminali umane simil-embrionali, ottenute ringiovanendo cellule della pelle adulte.

In questo caso, una volta riprogrammate le ‘cellule bambine’ sono state usate per creare diversi tipi di ‘mattoncini’ della retina.
Fin da ora la scoperta permettera’, spiegano i ricercatori, di realizzare modelli in laboratorio per studiare alcune malattie dell’occhio e mettere a punto nuovi farmaci.


1
Lascia una recensione

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
angelo marino Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
angelo marino
Ospite
angelo marino

ngelarino affetto da retinite pigmentosa dalla nascita e in stato di ipovedenza da circa dieci anni chiede anche da subito mettersi in lista per la sperimentazione per eventuale intervento con cellule staminali proprie

attendo vs. notizie con fiducia e vi saluto distintamente

p.s. ANGELO MARINO
TEL 3391375088
” 0823 361635 caserta

Archivi