Tumori del seno: TAZ, un gene ch…

Si chiama TAZ ed è il gen…

Inseminazione intrauterina: magg…

Uno studio osservazionale…

I farmaci per la pressione: inas…

I farmaci beta-bloccanti…

Emoglobina per le trasfusioni pr…

E' molto simile a quella …

Chemioterapia: presto un gelato …

Un gelato amico dei malat…

Olio extravergine di oliva: perc…

Che l’olio extravergine d…

Broncopneumopatia cronico ostrut…

I risultati dello studio …

"Nuovi anticoagulanti orali: in…

Sintesi interventi relato…

Degenerazione maculare: il fumo …

[caption id="attachment_5…

Il corpo umano: un mosaico genet…

DNA non è lo stesso in tu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ecoendoscopia a Forlì per l’asportazione selettiva dei tumori intestinali


Si chiama ecoendoscopia la nuova speranza per i pazienti affetti da tumore all’apparato digerente: la combinazione fra ecografia ed endoscopia permette infatti di stabilire con esattezza il livello di stadiazione della neoplasia che, se in fase iniziale, viene immediatamente asportata per via endoscopica, risparmiando cosi’ al malato sia un piu’ impegnativo intervento chirurgico, con conseguente asportazione totale, sia il successivo trattamento chemioterapico. Da sei mesi, l’Unita’ Operativa di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva dell’Ausl di Forli’, diretta dal prof. Enrico Ricci, si e’ aggiunta ai pochi centri in Italia che praticano tale metodica.

google_ad_client = "pub-7361654873183999"; /* 468x60, creato 03/06/09 */ google_ad_slot = "6124551286"; google_ad_width = 468; google_ad_height = 60; // ]]>

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x