Omocisteina alta e colesterolo a…

Esplora il significato de…

Se chirurgia e medicina sono int…

Si apre giovedì a Milano …

Telethon individua terapia farma…

Il gruppo di ricerca…

Alzheimer: scoperto un principio…

La sostanza scoperta dagl…

Cura del dolore: attenzione agli…

Al via a Padova il proget…

Metodo Stamina: le basi su cui s…

Il metodo Stamina, messo …

Sclerosi sistemica cutanea: in G…

Sono incoraggianti i prim…

Dalle cozze arriva la nuova supe…

(ANSA)Arriva dalle cozze …

Cellule staminali cardiache: tec…

[caption id="attachment_8…

“Adherence to treatment in chron…

Roma, 5 aprile 2013 – Cir…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Isolate le staminali maligne del tumore al fegato

Staminali embrionali del fegato

Staminali embrionali del fegato

Per la prima volta sono state isolate le cellule staminali del fegato di tipo maligno prima della formazione di un tumore. La nuova scoperta dei ricercatori del Penn State College of Medicine (Stati Uniti), pubblicata sulla rivista Stem Cells, rivela il ruolo che le cellule staminali hanno nell’insorgenza del cancro al fegato. “Grazie a degli esperimenti compiuti sui topi di laboratorio, siamo riusciti a indurre delle malattie croniche nel fegato per osservare lo sviluppo dei tumori”, ha detto Bart Rountree, ricercatore che ha condotto lo studio. “Il nostro obiettivo principale – ha aggiunto – era vedere cosa spinge le cellule staminali durante la proliferazione incontrollata se il fegato e’ ammalato.
Quello che abbiamo invece scoperto e’ che nelle cellule staminali del fegato ce ne erano alcune gia’ maligne, anche se nel topo non c’era nessun tumore”. I ricercatori sono riusciti a isolare le cellule prima ancora che esse potessero dare origine al cancro. “Il fegato e’ l’unico organo del corpo che si puo’ rigenerare, grazie proprio alle sue cellule staminali”, ha spiegato Rountree. “Tuttavia, tra di esse se ne puo’ annidare qualcuna che e’ gia’ maligna e che si attiva quando il fegato si ammala cronicamente: un’attivazione che porta alla formazione di tumori. Aver isolato le staminali maligne prima ancora che esse agiscano puo essere utile per l’elaborazione di strategie cliniche mirate”, ha concluso Rountree.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi