La SIPPS: la vaccinazione antinf…

Influenza stagionale: i c…

Per recuperare l'udito, cellule …

[caption id="attachment_7…

L'applicazione delle cellule sta…

Le cellule staminali appl…

Il carbone attivo aiuta il cuore…

Il carbone attivo allevi…

Scienziati trovano una nuova str…

Un team di ricercatori fi…

I ganglii cerebrali della voraci…

I neuroni di una regione …

Quando una zucca non fa solo hal…

La notte più "spaventosa"…

Cure palliative d’eccezione al n…

Attivo dall’estate, il nu…

Allergia alle monete: allarme ni…

Qualche problema in chi è…

Proliferazione tumorale: nuovo d…

Per mezzo dell’utilizzo d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattie pneumococciche invasive: arriva un nuovo vaccino con tre marce in più contro le forme più gravi

Dopo otto anni in cui non c’è stata alcuna innovazione nel settore dei vaccini contro le malattie pneumococciche, oggi finalmente si può affermare che per combattere queste patologie si può disporre di un vaccino che ha tre sierotipi in più, responsabili delle forme più gravi.

Da alcuni anni le IPD (malattie pneumococciche invasive) possono essere prevenute grazie alla vaccinazione, ma fino a ieri veniva impiegato un vaccino in grado di rispondere a 7 dei 15 maggiori sierotipi pneomococcici in circolazione. “Da oggi, invece, a disposizione del medico c’è un vaccino antipneucoccico diecivalente, un vaccino polisaccaridico coniugato e le novità che presenta sono sostanzialmente due: contiene 10 sierotipi di pneumococco e dunque 3 sierotipi in più del vaccino oggi disponibile – ha affermato la prof.ssa Elisabetta Franco, Ordinario di Igiene Università di Roma Tor Vergata nel corso della presentazione del farmaco avvenuta ieri a Roma – I sierotipi aggiuntivi, 1, 5 e 7F, sono responsabili di forme gravi di IPD e sono emergenti anche in Italia negli ultimi anni. In secondo luogo il vaccino è costituito da un nuovo carrier che è la proteina D dell’emofilo non tipizzabile.



Uno studio clinico ha già dimostrato la capacità della proteina D di prevenire le otiti medie acuta da emofilo non tipizzabile e sono in corso ulteriori studi clinici di numerosità molto ampie per confermare questo dato. In sintesi – ha continuato la Franco – direi che nell’immediato la consistente novità introdotta da questo nuovo vaccino, della GSK, è che possiamo allargare la protezione dei nostri bambini dalle IPD (e dalle otiti pneumococciche) a 3 sierotipi in più, l’1, 5 e 7F che sono responsabili di patologie gravi in continuo aumento in Italia”.


La più conosciuta e pericolosa è la meningite, ma nel novero delle malattie pneumococciche invasive troviamo anche la polmonite batteriemica e la sepsi, mentre fra le non invasive vi sono polmonite, otite media, sinusite e bronchite. In comune hanno un impatto, grave se non drammatico, sulla vita delle persone, bambini ed anziani in particolare.

La meningite da pneumococco è più frequente nei bambini di età inferiore a due anni e negli adulti di età > 65 anni. Più studi recenti hanno mostrato un aumento di 5-10 volte l’incidenza delle IPD se i metodi tradizionali colturali (ovvero la ricerca e l’isolamento dello pneumococco dal sangue o dal liquor) vengono sostituiti da indagini molecolari, che determinano la presenza del DNA batterico e non richiedono la coltivazione del germe in vitro.


“Il pneumococco – ha continuato la prof.ssa Franco – è un batterio presente nel rinofaringe di adulti e di bambini. La flora rinofaringea si forma durante il primo anno di vita ed è in continuo cambiamento. I batteri che risiedono comunemente nel rinofaringe (pneumococco, menigococco, emofilo, ecc) vengono acquisiti, eliminati e riacquisiti molte volte nel corso della vita, soprattutto nei bambini che frequentano l’asilo o la scuola.


Tuttavia, quando si creano le condizioni predisponenti (da un comune raffreddore ad una grave malattia debilitante), i microrganismi presenti nel rinofaringe possono diffondersi nell’orecchio, nei seni paranasali, nel tratto respiratorio inferiore, causando l’insorgenza di otite media, sinusite o polmonite, e/o possono penetrare nel circolo ematico provocando lo sviluppo di malattie invasive gravi, fra cui la meningite, la polmonite batteriemica e la sepsi”.


Uno dei fattori di virulenza, che permettono allo pneumococco di aggirare le difese immunitarie dell’organismo, è la capsula polisaccaridica che lo riveste. La struttura dei polisaccaridi di cui la capsula è composta determinano la specificità antigenica del singolo pneumococco che viene generalmente indicata come “sierotipo”.


La sierotipizzazione (ovvero la determinazione del sierotipo) è importante dal punto di vista della sanità pubblica perché permette di monitorare, seppure in maniera generale, i tipi di pneumococco che circolano nella comunità. In questo contesto si instaura la vaccinazione, la cui valenza e importanza è a detta degli esperti duplice. La diffusione e la gravità delle malattie invasive causate dallo pneumococco giustificano di per sé la vaccinazione. Inoltre, la vaccinazione anti-pneumococcica, laddove si riesca a raggiungere coperture vaccinali elevate genera un ulteriore vantaggio per la collettività, la cosiddetta “immunità di gregge”.


In poche parole, se viene vaccinata una cospicua parte dei nuovi nati in una comunità si ottengono dei benefici in termini di riduzione delle patologie pneumococciche anche in chi non è stato vaccinato, sia bambini ma soprattutto adulti e anziani.


Su questo nuovo vaccino sono stati condotti anche studi di Health Technology assessment (HTA), al fine di analizzare le potenzialità del prodotto nel contesto della situazione epidemiologica, clinica, economica ed organizzativa italiana e porre le basi per affrontare le problematiche relative alla rimborsabilità del prodotto e al suo impiego nel contesto del Piano Nazionale Vaccini.


“La modellizzazione matematica degli effetti della vaccinazione con il vaccino di GSK – ha detto il prof. Walter Ricciardi, direttore dell’Istituto di Igiene dell’Università Cattolica di Roma – ha mostrato il considerevole guadagno di salute ottenibile sulle patologie invasive da pneumococco (riduzione del 12% rispetto a PCV-7, il vaccino attualmente in commercio), le polmoniti (-3% rispetto a PCV7) e le otiti medie (-9% rispetto al PCV-7), alla luce dell’incremento della copertura delle patologie invasive da pneumococco che il vaccino permette (circa il 15%). Quando confrontato con la non vaccinazione il nuovo vaccino ha dimostrato un buon profilo di costo-efficacia e nel confronto con la vaccinazione con il precedente vaccino antipneumococcico eptavalente, a parità di prezzo, ha dimostrato un miglior profilo di costo efficacia.


A livello nazionale – ha aggiunto Ricciardi – la vaccinazione anti pneumococcica è attualmente raccomandata solamente per le categorie “ad alto rischio”; ciò nonostante, la maggior parte delle regioni italiane ha già implementato la vaccinazione attiva e gratuita di tutti i nuovi nati. Questa strategia è fondamentale in quanto è proprio al di sotto dei 2 anni di età che la patologia invasiva è più frequente e quindi è assolutamente necessario vaccinare i bambini il prima possibile; proprio per questo in queste regioni la vaccinazione viene eseguita insieme al vaccino esavalente, così da raggiungere facilmente elevate coperture vaccinali.


L’ingresso di questo nuovo vaccino nel panorama delle vaccinazioni pediatriche potrà sicuramente favorire l’introduzione della vaccinazione antipneumococcica di tutti i nuovi nati in quelle regioni dove questa strategia non è stata ancora implementata, anche alla luce dell’estensione della protezione ad altri tre ceppi.


Un altro vantaggio è rappresentato dalla continuità della fornitura: avere due fornitori, seppur con vaccini differenti, permette alla Sanità Pubblica una continuità di fornitura fondamentale quando si effettuano campagne di vaccinazioni estese e soprattutto un notevole risparmio derivante dal mettere in competizione due concorrenti”.


L’ingresso di questo nuovo vaccino nel panorama delle vaccinazioni pediatriche potrà sicuramente favorire l’introduzione della vaccinazione antipneumococcica di tutti i nuovi nati in quelle regioni dove questa strategia non è stata ancora implementata, anche alla luce dell’estensione della protezione ad altri tre ceppi che permette questo vaccino.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!