Chemio verde, estratta dai brocc…

L'estratto di germogli di…

Proteine nella saliva: dal conte…

Un test semplice da effet…

Salute Donna: in menopausa cala …

In occasione della Giorna…

L'olfatto dei cani in grado di f…

Grazie alla sensibili…

Le "vibrazioni" delle proteine d…

Le proteine del corpo uma…

La riserva ovarica, stabilita da…

Nelle ovaie di topo a…

Esperti BPCO: "Serve fondo nazio…

“I nostri sforzi oggi son…

Tumori: aumentano quelli al fega…

Un nuovo studio dimostra…

Federsalus: Obesita' infantile e…

Milano, 17 gennaio 2011 -…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Troppo sale sulle tavole italiane

Agli italiani piace mangiare troppo salato. Il consumo medio giornaliero tra la popolazione adulta e’ infatti di 10,9 grammi per gli uomini e 8,6 g per le donne, quando invece la media raccomandata dall’Organizzazione mondiale della sanita’ e’ di 5 grammi di sale al giorno. E’ quanto emerge dai risultati preliminari del progetto Minisal-Gircsi, raccolti in 15 Regioni italiane su 1519 uomini e 1450 donne tra i 35 e i 79 anni, pubblicato dall’Istituto superiore di sanita’.

Il progetto Minisal-Gircsi, parte del programma nazionale Guadagnare salute, e’ coordinato dal dipartimento di Medicina clinica e sperimentale della facolta’ di Medicina e chirurgia dell’Universita’ Federico II di Napoli, l’Iss’, l’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (Inran), l’Universita’ Cattolica di Campobasso, la Fondazione per l’ipertensione arteriosa, la Clinica pediatrica dell’Universita’ di Foggia e il Gircsi (Gruppo di lavoro intersocietario per la riduzione del consumo di sale in Italia).

Dall’analisi dell’escrezione di sodio nelle urine e’ cosi’ emerso che solo il 4% degli uomini e il 13% delle donne sono entro i livelli raccomandati. Per il potassio, buon indicatore del consumo di frutta e verdura, risulta un livello di escrezione urinaria pari a 4,6 g/24h per gli uomini e 4,1 g/24h per le donne, contro i 7,4 g al giorno raccomandati dal Food and Nutrition Board, Institute of Medicine. L’escrezione di potassio risulta a livelli desiderati solo per il 4% degli uomini e il 2% delle donne.

Per quanto riguarda il sodio, c’e’ una forte differenza tra nord e sud, con valori minori al Nord e maggiori al Sud.

Fenomeno in linea, secondo lo studio, con la distribuzione riscontrata dell’obesita’ e dell’inattivita’ fisica, e con i risultati di numerosi Paesi industrializzati. Diversi Stati hanno avviato programmi di riduzione del consumo di sale, tra cui l’Italia, con un accordo tra il ministero della Salute e l’Associazione della panificazione artigianale e industriale per la riduzione del 15% in 4 anni del contenuto di sale nel pane.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi