Colesterolo alto: pronto macchin…

Alcuni pazienti sono gene…

“Storie di vita negli anni d’arg…

Una ricerca condotta da F…

DAPHNE LAB, biomedica italiana a…

Già presente in Italia co…

Pediatria - Estate e bambini: us…

Roma, 26 luglio 2012 – L’…

Da invertebrati a vertebrati: co…

In una specie di emicorda…

Gene invecchiamento legato all'i…

Un gene che aiuta a c…

Big Pharma, il cento per cento d…

I settori principali sono…

Tumori del colon: 234 sono i gen…

I geni coinvolti nello sv…

Asma: gli ftalati sono una causa…

Due comuni ftalati utiliz…

Talassemia: il deferiprone si ri…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Midollo osseo produce cellule che regolano l’appetito

Il motivo per cui si mangia troppo potrebbe avere radici nel sangue.midollo_osseo Gli scienziati del Baylor College of Medicine hanno scoperto che le cellule del midollo osseo che producono un fattore eutrofico derivato dal cervello (Bdnf), che e’ legato alla regolazione del consumo di cibo, viaggiano verso un’area nell’ipotalamo dove ‘mettono a punto’ l’appetito. La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista Nature Communications. “Sapevamo che queste cellule del sangue producono Bdnf”, ha spiegato Lawrence Chan, fra gli autori dello studio. Il fattore e’ prodotto nel cervello e nelle cellule nervose.


“Non sapevamo perche’ era prodotto nelle cellule del sangue”, ha continuato Chan. Gli scienziati hanno scoperto che nel nucleo paraventricolare dell’ippotalamo c’erano delle cellule che producono il Bdnf. “Sapevamo che nello sviluppo embrionale alcune cellule del sangue vanno al cervello e diventano cellule microgliali. Ma questa e’ la prima volta che abbiamo visto che questo succede anche negli adulti. Le cellule del sangue migrano in una parte del cervello e subiscono cambiamenti fisici fino a diventare come delle cellule microgliali”, ha spiegato Chan. I ricercatori hanno scoperto che, iniettando cellule del midollo osseo che producono Bdnf nel cervello di topi che non avevano questo fattore, non sentivano piu’ l’urgenza di mangiare troppo. Questi risultati potrebbero portare a sviluppare nuove strategie anti-obesita’. .

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x