[CORDIS] Studio finanziato dall'…

[caption id="attachment_7…

L'epilessia non è una malattia p…

35° Congresso LICE – Lega…

Retinite Pigmentosa: oltre 250 p…

Losanna, Svizzera – 21 ge…

Barriera sangue-cervello: un nuo…

L'impermeabilità della ba…

Proteasi

La proteasi è un enzima c…

Malattie autoimmuni: scoperto l'…

Ispirandosi ai successi o…

Malattia di La Peyronie: a Villa…

Presso la clinica toscana…

Tumori: individuati geni in grad…

Il sangue e' composto da …

Cancro: scienziati trovano come …

Gli scienziati trovano il…

Allarme depressione: riguarda un…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Colesterolo “buono” (HDL) diventa cattivo in assenza di attività motoria adeguata

Gli scienziati scoprono che il colesterolo HDL può comportarsi male nelle persone sedentarie o che fanno poco movimento, esponendole a maggior ragione al rischio di malattie cardiache, nonché obesità e alti livelli di trigliceridi

Il colesterolo buono, o lipoproteine ad alta densità, noto con il nome di HDL è quella sostanza che si occupa di allontanare il colesterolo dai vasi sanguigni del fegato, in modo che l’organo possa smaltirlo. Un compito importante che tuttavia può essere reso vano o, peggio, non reso affatto se conduciamo uno stile di vita sedentario o ci muoviamo poco.

A mettere sull’avviso tutti coloro che rifuggono dal fare movimento, preferendo la comodità del divano e la TV, è un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’Università della California a Los Angeles (UCLA) coordinati dal dottor Christian K. Roberts.
In questo studio Roberts e colleghi hanno voluto osservare il comportamento del colesterolo HDL nelle persone sedentarie e in quelle che invece fanno attività fisica.

Partendo dal presupposto che l’attività fisica può ridurre il rischio di malattie cardiache, anche l’organismo potrebbe rispondere in modo diverso a questa attività o al non fare attività.
I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Journal of Applied Physiology e mostrano che nelle persone che sedentarie o che fanno scarso movimento il colesterolo HDL si comporta in modo anomalo, o disfunzionale.
Proprio questa sua disfunzionalità pare sia stata associata a numerosi fattori di rischio per le malattie cardiache, tra cui alti livelli di trigliceridi (un tipo di grassi), una massa grassa eccessiva nella parte superiore del tronco e altri ancora.

I ricercatori hanno infine scoperto che i risultati erano gli stessi indipendentemente dal peso delle persone, il che suggerisce che mantenere un peso sano non è così importante nei confronti delle funzioni del colesterolo HDL, ma è più importante condurre una vita attiva, fare movimento o esercizio fisico regolare.

La parola d’ordine è dunque “muoversi”, evitare di impigrirsi, e non preoccuparsi o focalizzarsi troppo sul proprio peso, sebbene seguire anche una dieta sana sia fondamentale nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.

1
Lascia una recensione

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Colesterolo “buono” (HDL) diventa cattivo in assenza di attività motoria adeguata | Quaderni socialisti Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] Colesterolo “buono” (HDL) diventa cattivo in assenza di attività motoria… […]

Archivi