Epatite C: principale farmaco co…

L’FDA concede la procedur…

Colite ulcerosa: identificata un…

[caption id="attachment_8…

Sclerodermia localizzata: nuovi …

La scoperta apre le porta…

La veloce evoluzione del cromoso…

[caption id="attachment_5…

Vista: intervento risolutivo per…

Un unico intervento per p…

Alzheimer: al via il primo labor…

Combatte le patologie neu…

La paura accelera il processo di…

Scoperta una correlazione…

Merck Serono: completato l’arruo…

[caption id="attachment_1…

Prima sperimentazione clinica su…

Parte la prima sperimenta…

Da cellule epiteliali a neuroni

Più vicino l'obiettivo di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule intestinali trasformate in produttrici di insulina

“Spegnendo” un singolo gene, un team di scienziati della Columbia University e’ riuscito a convertire cellule gastrointestinali in cellule produttrici di insulina, dimostrando in linea di principio che un farmaco potrebbe cambiare le cellule del tratto digestivo inducendole a produrre insulina.


La ricerca, condotta da Domenico Accili della Columbia University e pubblicata su Nature Communications, potrebbe offrire l’opportunita’ di sostituire le cellule morte nel diabete di tipo 1 con cellule “rieducate” a funzionare bene.insulina Un processo piu’ semplice delle altre opzioni considerate attualmente, come trapiantare nuove cellule dalle staminali adulte o embrionali. Le cellule che producono insulina possono essere realizzate in laboratorio da cellule staminali, ma generalmente non hanno tutte le funzioni naturali delle cellule beta pancreatiche.

Dagli esperimenti e’ emerso che le cellule intestinali dei topi trasformate in cellule produttrici di insulina posseggono invece tutti i requisiti. La tecnica e’ efficace anche sulle cellule umane. Sui tessuti realizzati in laboratorio le cellule intestinali umane hanno “imparato” a produrre insulina in risposta alle circostanze fisiologiche create disattivando il gene FOXO1.

Il prossimo passo sara’ lo sviluppo di un farmaco che inibisca il gene nelle cellule gastrointestinali dell’uomo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi