Immaginare parole che descrivono…

Indagato il ruolo della s…

Osteoporosi: nuove molecole aiut…

[caption id="attachment_9…

Ictus: migliora grado di attenzi…

La maggioranza delle pe…

Lo zucchero amplifica efficacia …

'Basta un poco di zucche…

Trapianto reni: si valutano le s…

[caption id="attachme…

[ADUC] Cellule staminali per rip…

Ci sono studi che possono…

Lanciato nuovo sito finanziato d…

È stato appena lanciato u…

Asma: otto milioni di italiani v…

Grazie alla collaborazion…

Controllo dei raggi UV: presto u…

Un apparecchio sviluppato…

Come lavorano i leucociti "Natur…

Un team di scienziati del…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un approccio molecolare determinante per il diabete

le cellule beta del pancreas di un topo

le cellule beta del pancreas di un topo

(Le Scienze)Il silenziamento contemporaneo di due geni, quello per la proteina retinoblastoma pRB e quello per la p130, ha prodotto un incremento della replicazione delle cellule beta nel pancreas.
n cammino molecolare cruciale per la regolazione della replicazione delle beta-cellule, che nel pancreas producono l’insulina e sono mancanti o insufficienti nel diabete di tipo 1 e 2, è scoperto testato dai ricercatori della School of Medicine dell’Università di Pittsburgh.

Sulla base di alcuni risultati ottenuti alcuni mesi fa, Andrew F. Stewart, docente di medicina e capo della Divisione di endocrinologia, ha mostrato in una sperimentazione sui topi che silenziando due proteine coinvolte nel ciclo cellulare si determina un notevole aumento della replicazione delle beta-cellule, come illustrato in un intervento al convegno dell’American Diabetes Association, in corso a New Orleans e pubblicato in contemporanea sulla rivista “Diabetes”.

“Queste proteine funzionano come ‘freni’ che prevengono la rigenerazione delle cellule beta”, ha spiegato Stewart. “Si tratta di un sistema ridondante, tuttavia: rimuovere solo una delle proteine non è sufficiente per farle replicare.”


In studi precedenti, Rupangi Vasavada, assistente di Stewart, avava studiato alcuni topi mancanti di un regolatore chiave della divisione cellulare, la proteina retinoblastoma (pRB), così chiamata perché in grado di determinare mutazioni che portano a un tumore oculare infantile. Ma la perdita del solo pRB non consente di rigenerare le beta-cellule.

In quest’ultimo studio, i ricercatori hanno ingegnerizzato i topi per silenziare il gene che codifica per una proteina molto simile alla pRB, chiamata p130. E, ancora una volta, non è stata riscontrata alcuna variazione della produzione di cellule beta. Il silenziamento contemporaneo dei due geni, quello per la pRB e quello per la p130, ha prodotto invece un incremento della replicazione delle cellule beta.


Per il futuro si progetta di procedere sulla stessa strada. “Il ciclo cellulare ha un’altra proteina, la p107, che è molto simile alla pRB e alla p130,” ha sottolineato Stewart. “Ora vogliamo vedere ciò che succede al numero delle cellule beta se ne silenziamo due su tre o tutte e tre.”

I ricercatori dell’Università di Pittsburgh progettano anche di esaminare gli effetti di incremento o perdita di altre proteine del ciclo cellulare, come parte delle attuali ricerche per comprendere meglio i cammini regolatori della replicazione delle cellule-beta e per identificare i bersagli che potrebbero rendere possibile, in futuro, trattare il diabete somministrando ai pazienti più cellule che producono insulina, probabilmente espandendo in laboratorio colture di cellule da donatore.

“Ora è chiaro – ha concluso Stewart – che sia il diabete di tipo 1 sia quello di tipo 2 sono patologie che dipendono da un deficit di cellule-beta. E mentre noi lavoriamo per produrre più cellule-beta, i nostri colleghi stanno affrontando il problema dell’autoimmunità che causa la riduzione nel loro numero: la speranza finale è quella di sviluppare una cura per il diabete.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!