Il progetto Afya per un mondo li…

In occasione della Giorna…

[ASCO] Tumori della tiroide e de…

[caption id="attachment_7…

Carcinoma alla tiroide: nuove te…

L'agenzia del farmaco sta…

Pochi alimenti, i neuroni dell'i…

A differenza degli altri …

Milano all’avanguardia nel tratt…

Dottor Maurizio Cremona, …

Tumore al seno: secondo Veronesi…

''Siamo in una fase inter…

Nel giorno delle professioni i f…

Roma, 1° marzo 2012 - Il …

TAC: L'Ist. Tumori di Bari riduc…

L'Istituto Tumori di Bari…

Colesterolo: lo degrada un actin…

[caption id="attachment_7…

Chirurgia: non sempre per un men…

Uno studio dell'Universit…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La molecola anti-ictus che salverà 9.000 vite l’anno

Venticinque ictus evitati ogni giorno in Italia. Uno ogni ora. Un risultato che da solo vale a salvare 9.000 vite all’anno. E’ lo straordinario risultato di dabigatran etexilato, un nuovo rivoluzionario anticoagulante orale, presentato stamattina in sessione plenaria al Congresso Europeo di Cardiologia (ESC) di Barcellona, con circa 30.000 esperti presenti. La molecola e’ destinata a cambiare radicalmente la terapia nei pazienti con fibrillazione atriale. Un problema che colpisce 500.000 persone in Italia, con 60.000 nuovi casi all’anno e puo’ portare all’ictus: 30.000 i casi ogni anno nel nostro Paese. Lo studio RE-LY, il piu’ ampio mai condotto sulle conseguenze di questa malattia, ha coinvolto 18.113 pazienti in 44 paesi, Italia compresa, comparando la nuova molecola con quella attualmente utilizzata e ottenendo una riduzione significativa di stroke e embolismo sistemico del 34% in pazienti con fibrillazione atriale non valvolare. “Dopo 50 anni finalmente una vera innovazione – afferma il prof. Roberto Ferrari, presidente dell’ESC -, un’arma efficace per prevenire l’ictus, che in Italia rappresenta la terza causa di morte, responsabile del 10%-12% del totale dei decessi, e la principale causa d’invalidita’.
Oggi si’ e’ segnato un punto importante nella lotta alle malattie cardiovascolari”. Chi soffre di fibrillazione atriale e’ esposto ad un maggior rischio di formazione di coaguli, che moltiplicano di 7 volte la probabilita’ di ictus, particolarmente aggressivi e disabilitanti in questi casi: la meta’ di chi viene colpito muore entro il primo anno. Nonostante questi numeri, ben la meta’ dei pazienti con fibrillazione atriale oggi non riceve la terapia anticoagulante in uso perche’ troppo complessa da gestire. “Dabigatran etexilato e’ risultato piu’ efficace e sicuro rispetto alla cura attuale. Cio’ comportera’ un miglioramento della qualita’ di vita di questi pazienti – commenta il prof. Giuseppe Di Pasquale, presidente della Federazione Italiana di Cardiologia (FIC) e coordinatore italiano dello studio -. Oggi infatti i malati sono costretti a recarsi periodicamente presso i centri di riferimento per monitorare e tarare i dosaggi e gli effetti collaterali del farmaco attualmente utilizzato sono particolarmente pesanti. Con questa nuova opzione, una semplice capsula da assumere due volte al giorno a dosaggio fisso, confidiamo di riuscire a recuperare anche le persone ora non trattate”. Dopo la presentazione ufficiale al Congresso, il piu’ importante appuntamento per i cardiologi di tutto il continente, i risultati dello studio vengono inoltre pubblicati oggi sul prestigioso New England Journal of Medicine. Al piu’ presto sara’ presentata la richiesta alle Agenzie regolatorie: “Ci auguriamo – sottolinea Ferrari – che dabigratan etexilato possa essere disponibile nel 2010”. La fibrillazione rappresenta il piu’ comune disturbo del ritmo cardiaco e causa un battito irregolare, con un ristagno di sangue. Il rischio aumenta con l’eta’ e grosso modo raddoppia ogni 10 anni: si stima che un quarto dei quarantenni di oggi ne soffriranno in futuro. Del mezzo milione di colpiti la gran parte sono anziani. Oggi la terapia per la prevenzione dell’ictus in questi pazienti prevede di utilizzare gli antagonisti della vitamina K, efficaci, ma complessi da somministrare. Perche’ agiscano correttamente e’ necessario infatti che il valore della coagulazione si mantenga entro limiti molto stretti: se si scende troppo il paziente e’ a rischio di trombi, se il valore e’ troppo alto di emorragie. “Solo il 60% resta all’interno dei parametri di scoagulazione corretti – aggiunge il prof. Di Pasquale . Senza contare poi le interazioni di questi farmaci con numerosi cibi, con altri medicinali e i problemi logistici di recarsi al centro in occasione dei controlli per la “messa a punto” della terapia. Soprattutto se si pensa che si tratta in gran parte di persone anziane.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!