La luce influisce cognitivamente…

La luce migliora l'attivi…

Merck Serono: approvazione europ…

Ginevra, Svizzera, 6 fe…

Dall'acne all'endocardite

Il batterio che causa l'a…

Dalla saliva del pipistrello un …

Un farmaco a base di sali…

Rosacea: riguarda un adulto su d…

Dai reali d'Inghilterra c…

Tumori: colesterolo "traghettato…

Zattere di colesterolo…

La chiamata alle armi del sistem…

175 milioni di anni di st…

Tecnoassistenza: Italia Longeva …

Roma, 03 Luglio 2014 –Se …

L’appello della Società Italiana…

Oltre il 50% delle malat…

Pesci che ostacolano e combatton…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori del seno: Broccoli bloccano propagazione cellule neoplastiche

Che consumare i vegetali della famiglia delle crucifere sia un buon modo per prevenire l’insorgere di diversi tipi di tumore grazie ad alcuni elementi protettivi in esse contenute è ormai noto; che, in particolare, i broccoli e i germogli dei broccoli siano in grado, una volta insorto il tumore al seno, di inibire lo sviluppo delle cellule staminali tumorali, interrompendo quindi l’accrescersi della massa neoplastica, è invece la novità pubblicata dalla University of Michigan Comprehensive Cancer Center sulla rivista Clinical Cancer Research. Il sulforafano, in particolare, sarebbe infatti in grado, oltre che di prevenire il cancro al seno, di uccidere le cellule staminali che danno origine alla neoplasia e che le permettono di crescere. “Il sulforafano è stato studiato in precedenza per i suoi effetti antitumorali, ma questo studio dimostra che nel cancro al seno riesce a inibire anche lo sviluppo delle staminali tumorali”, spiega Duxin Dom, che ha guidato la ricerca.

I risultati dello studio, condotti in laboratorio su un gruppo di topi, sono significativi – spiegano i ricercatori – perché le chemioterapie attuali non funzionano contro le cellule staminali neoplastiche, per cui il cancro può ripresentarsi e diffondersi. “Questa ricerca – spiega Max Wicha, direttore del Comprehensive Cancer Center UM – suggerisce un potenziale nuovo trattamento. Lo sviluppo di terapie che prendano di mira la popolazione di cellule staminali neoplastiche è fondamentale per combattere la patologia”. Lo studio, che “garantisce ulteriore valutazione clinica”, non è ancora stato testato sugli esseri umani. (ASCA)

Archivi