Dolore cronico: in provincia ne …

Dal 2011 al 2012 ha incre…

Tamiflu: dopo esperienza contro …

[caption id="attachment_9…

Disordine bipolare: ketamina don…

Gli effetti del disordin…

A Gropello Cairoli, appuntamento…

Prosegue il programma d…

Pubblicazione su Nature sulla ma…

Nature pubblica oggi onli…

Boehringer Ingelheim lancia la v…

Ingelheim, Germania e Lon…

Vertebre artificiali che imitano…

[caption id="attachment_6…

Alzheimer, un'iniezione a settim…

Un'iniezione settimanale …

'Ricambio' di neuroni - nuove sc…

Cellule neuronali Una…

Dal MIT: nanoparticelle che cont…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il pensiero della morte aumenta propensione a umorismo


Pensare inconsapevolmente alla morte aumenta la nostra propensione all’umorismo, secondo una nuova ricerca promossa da Christopher R. Long della Ouachita Baptist University e Dara Greenwood del Vassar College. Si tratterebbe di un meccanismo di difesa del cervello: l’incremento della creativita’ ironica in risposta all’ansia e all’angoscia prodotte dall’idea ineluttabile della morte. Un processo che la nostra mente innesca quando siamo indotti improvvisamente e inconsciamente a riflettere sulla morte.death
Se,infatti,dedichiamo al pensiero di dover morire una serie di riflessioni pienamente consapevoli tendiamo a ridurre l’umorismo e ad abbandonarci a divagazioni depresse e tristi.
In pratica, l’attivazione di pensieri coscienti riguardanti la morte compromette la generazione creativa di idee umoristiche e divertenti. Lo studio “Joking in the Face of Death: A Terror Management Approach to Humor Production” e’ stato pubblicato sulla rivista Humor.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi