Differenza genica tra uomo e cav…

Due importanti caratteris…

Crisi ipoglicemiche: sei settima…

Un programma di correzion…

Ictus al femminile: come preveni…

L’American Heart Associat…

Malaria: l'azione diretta su lar…

Colpire i siti di ri…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Dal 29 novembre al primo dicembr…

Il numero uno della Socie…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Tumori: il gioco chiave delle be…

Non solo predisposizione …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il pensiero della morte aumenta propensione a umorismo


Pensare inconsapevolmente alla morte aumenta la nostra propensione all’umorismo, secondo una nuova ricerca promossa da Christopher R. Long della Ouachita Baptist University e Dara Greenwood del Vassar College. Si tratterebbe di un meccanismo di difesa del cervello: l’incremento della creativita’ ironica in risposta all’ansia e all’angoscia prodotte dall’idea ineluttabile della morte. Un processo che la nostra mente innesca quando siamo indotti improvvisamente e inconsciamente a riflettere sulla morte.death
Se,infatti,dedichiamo al pensiero di dover morire una serie di riflessioni pienamente consapevoli tendiamo a ridurre l’umorismo e ad abbandonarci a divagazioni depresse e tristi.
In pratica, l’attivazione di pensieri coscienti riguardanti la morte compromette la generazione creativa di idee umoristiche e divertenti. Lo studio “Joking in the Face of Death: A Terror Management Approach to Humor Production” e’ stato pubblicato sulla rivista Humor.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!