Tumori della pelle: uomini più p…

Scoperte le basi della ma…

I semplici collutori hanno alcun…

Due ingredienti molto com…

Dalla Gabbia al Cielo: storie di…

Difficoltà nella vita quo…

Alzheimer: un nuovo esame del sa…

Ricercatori spagnoli …

Tolleranza batterica: svelato il…

Sopravvivere agli antibio…

Vescicole sinaptiche: la velocit…

Le vescicole sinaptiche v…

Diabete di tipo 2: scoperta una …

Un gruppo di scienziati d…

150 convegni in tutta Italia per…

Assogenerici, al via la…

Cancro alla prostata: probabile …

Due tipi di virus collega…

Il #Parkinson 'in vitro'

Riprodotte in laboratorio…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il pensiero della morte aumenta propensione a umorismo


Pensare inconsapevolmente alla morte aumenta la nostra propensione all’umorismo, secondo una nuova ricerca promossa da Christopher R. Long della Ouachita Baptist University e Dara Greenwood del Vassar College. Si tratterebbe di un meccanismo di difesa del cervello: l’incremento della creativita’ ironica in risposta all’ansia e all’angoscia prodotte dall’idea ineluttabile della morte. Un processo che la nostra mente innesca quando siamo indotti improvvisamente e inconsciamente a riflettere sulla morte.death
Se,infatti,dedichiamo al pensiero di dover morire una serie di riflessioni pienamente consapevoli tendiamo a ridurre l’umorismo e ad abbandonarci a divagazioni depresse e tristi.
In pratica, l’attivazione di pensieri coscienti riguardanti la morte compromette la generazione creativa di idee umoristiche e divertenti. Lo studio “Joking in the Face of Death: A Terror Management Approach to Humor Production” e’ stato pubblicato sulla rivista Humor.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x