Tessuti al microscopio in 3D: nu…

Nuova rivoluzione in arri…

Tè freddo, dissetante ed estivo,…

Fresco, dissetante, un pi…

Tumore al seno: 500 mila le donn…

Nel nostro Paese vivono p…

L'insonnia ed il suo volto

L'insonnia ha un impa…

Osteoporosi: studio corna di cer…

Dalle corna di cervo una …

About Pharma Digital Awards: “La…

Roma, 10 novembre 2014 – …

Farmaco anticolesterolo riduce e…

Il farmaco anti-colester…

Crollano i ricoveri per le compl…

Invariato invece il tas…

Superager, persone anziane col c…

Nonostante abbiano gia' s…

Contro l'Atrofia Muscolare Spina…

Certe malattie sono causa…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il pensiero della morte aumenta propensione a umorismo


Pensare inconsapevolmente alla morte aumenta la nostra propensione all’umorismo, secondo una nuova ricerca promossa da Christopher R. Long della Ouachita Baptist University e Dara Greenwood del Vassar College. Si tratterebbe di un meccanismo di difesa del cervello: l’incremento della creativita’ ironica in risposta all’ansia e all’angoscia prodotte dall’idea ineluttabile della morte. Un processo che la nostra mente innesca quando siamo indotti improvvisamente e inconsciamente a riflettere sulla morte.death
Se,infatti,dedichiamo al pensiero di dover morire una serie di riflessioni pienamente consapevoli tendiamo a ridurre l’umorismo e ad abbandonarci a divagazioni depresse e tristi.
In pratica, l’attivazione di pensieri coscienti riguardanti la morte compromette la generazione creativa di idee umoristiche e divertenti. Lo studio “Joking in the Face of Death: A Terror Management Approach to Humor Production” e’ stato pubblicato sulla rivista Humor.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi