Come i geni ingannano il sistema…

[caption id="attachme…

Dal CNR: il gene chiave per lo s…

[caption id="attachme…

L’Umbria all’avanguardia nella p…

Sabato 14 febbraio parte …

Linfociti esausti tengono a bada…

Due distinti sottoinsiemi…

Legumi ottimi deterrenti per tum…

Mangiare almeno tre volte…

Approvato olodaterolo in monosom…

·  Studi di Fase III hann…

HIV: si chiarisce una differenza…

[caption id="attachment_9…

Test DNA: sara' realta' per prev…

Un test del Dna capace di…

Senza farmacista, il medicinale …

Roma, 24 novembre 2011 …

Alzheimer: colpisce le donne più…

Rispetto all’uomo, la mal…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sviluppate nanoparticelle contro batteri farmaco-resistenti

Sviluppate nuove nanoparticelle contro la meningite, i batteri resistenti ai farmaci e le infezioni fungine.

Uno studio degli scienziati dell’Institute of Bioengineering and Nanotechnology (IBN) di Singapore ha portato a un nuovo trattamento che sfrutta nanoparticelle peptidiche per distruggere la struttura delle cellule infettive.

“Il nostro trattamento – ha spiegato Yiyan Yang, a capo della ricerca pubblicata sulla rivista Nature Nanotechnology – attacca le membrane delle cellule patogene, intaccandone la struttura. Il nostro oligopeptide (una proteina costituita da pochi amminoacidi) ha una struttura chimica unica che forma nanoparticelle capaci di penetrare le membrane. Le nanoparticelle possono facilmente entrare dentro cellule di batteri, funghi e lieviti e ucciderle dall’interno, bloccando l’avanzata dell’infezione”.


La nuova terapia è potenzialmente un’alternativa superiore ai trattamenti esistenti contro queste letali infezioni del cervello: la maggior parte degli antibiotici non è capace di superare le barriere delle membrane cellulari o le molecole del farmaco sono troppo grandi per passare attraverso la membrana.

Nei test preclinici le nanoparticelle, invece, si sono dimostrate più efficaci contro la crescita di infezioni fungine rispetto ai trattamenti tradizionali, e non hanno mostrato effetti collaterali o danni ai reni e fegato.

“Il nostro gruppo di ricerca ha fatto enormi progressi nella ricerca di nuovi farmaci e trattamenti”, ha detto Jackie Y. Ying, direttore esecutivo della IBN.

“Con questa scoperta saremo in grado di sfidare malattie finora di difficile trattamento”, ha concluso.


AGI – Salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: