Il progetto Afya per un mondo li…

In occasione della Giorna…

[ASCO] Tumori della tiroide e de…

[caption id="attachment_7…

Carcinoma alla tiroide: nuove te…

L'agenzia del farmaco sta…

Pochi alimenti, i neuroni dell'i…

A differenza degli altri …

Milano all’avanguardia nel tratt…

Dottor Maurizio Cremona, …

Tumore al seno: secondo Veronesi…

''Siamo in una fase inter…

Nel giorno delle professioni i f…

Roma, 1° marzo 2012 - Il …

TAC: L'Ist. Tumori di Bari riduc…

L'Istituto Tumori di Bari…

Colesterolo: lo degrada un actin…

[caption id="attachment_7…

Chirurgia: non sempre per un men…

Uno studio dell'Universit…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Videocapsule potrebbero sostituire la tradizionale colonscopia

videocapsule

videocapsule

Presto la colonscopia sara’ sostituita da una pillola, meglio una video-capsula, dotata di telecamera che andra’ presa con un bicchier d’acqua.

Esce oggi sul New England Journal of Medicine il primo studio multicentrico comparato per valutare, come si legge in una nota, “una nuova pillola dotata di telecamera che presto potrebbe sostituire il fastidioso esame colonscopico per verificare lo stato di salute del nostro intestino”.

Il cancro del colon e’ il terzo tumore piu’ frequentemente diagnosticato dopo quello al polmone e quello alla prostata e il principale strumento preventivo e’ quello di fare uno screening a tutti i cinquantenni per verificare le condizioni dell’ultima parte dell’intestino e prevenire le eventuali malattie.


“Il problema e’ che il tipo di esame che si usa in questi casi, la colonscopia – spiega Cristiano Spada dell’Uoc di Endoscopia digestiva chirurgica del Policlinico Gemelli di Roma – e’ molto fastidioso e a volte anche doloroso. Per questo solo una piccola percentuale dei cinquantenni si sottopone a questa analisi, che invece dovrebbe essere di routine perche’ e’ molto importante per scoprire per tempo lesioni e polipi che potrebbero degenerare in malattie piu’ gravi”.

Oggi in aiuto di medici e pazienti arriva la ‘videocapsula’ per lo studio del colon: una vera e propria pillola, contenente due telecamere, due sorgenti luminose e un’antenna, e per ora prodotta da una sola azienda nel mondo: lunga 31 millimetri, ha un diametro di 11 mm, e’ ingeribile, proprio come una normale pillola, e percorre tutto il tratto intestinale.

“Per la prima volta – spiega il direttore dell’Uoc Guido Costamagna, che con Cristiano Spada, Maria Elena Riccioni e Lucio Petruzziello, firma l’articolo sul prestigioso New England Journal of Medicine a nome del Policlinico Gemelli, unico centro italiano coinvolto nello studio multicentrico – sono stati studiati piu’ di 300 pazienti in tutta Europa per verificare l’efficacia di questo nuovo strumento diagnostico.

E i risultati sono davvero incoraggianti: sicuramente c’e’ ancora da lavorare, ma gia’ oggi riusciamo a identificare le piu’ importanti patologie che possono colpire il colon”. Ma come funziona questa pillola? “Proprio come si puo’ immaginare – e’ la risposta di Costamagna – si ingerisce con l’aiuto di un bicchiere d’acqua. Dopo un paio di minuti la capsula si spegne per risparmiare le batterie e si riattiva dopo un’ora e tre quarti, giusto il tempo per arrivare all’intestino tenue, che e’ a monte del colon. A quel punto inizia a inviare 4 immagini al secondo a un piccolo ricevitore che il paziente porta con se’.
Grazie alle due telecamere, riusciamo a vedere e studiare le pliche della mucosa guardandole davanti e dietro. Normalmente al termine delle dieci ore, il tempo di durata delle batterie, la pillola e’ stata gia’ espulsa: in questo modo siamo sicuri di non perdere nessuna parte del colon”.

Naturalmente, proprio come accade per una colonscopia, prima di assumere la videocapsula bisogna fare una preparazione speciale. Questa consiste, in sostanza, in una ‘pulizia’ profonda dell’intestino per consentire alle videocamere di vedere la superficie della mucosa.


“Il paziente assume alcune sostanze sciolte in abbondante acqua. In questo modo, oltre alla pulizia, si ottiene di riempire il colon di liquidi trasparenti che lo distendono di modo tale che la nostra capsula si muova proprio come farebbe un sottomarino. Inoltre la preparazione prevede anche farmaci che stimolano il movimento del colon per favorire lo scorrimento della capsula”, osserva Spada. Per tutti quelli che hanno paura di sottoporsi a una colonscopia c’e’ dunque speranza di poter fare presto un check up del proprio intestino senza dolore e fastidio? “Tutto sta a vedere che impatto avra’ sulla routine questo nuovo strumento diagnostico – conclude Costamagna – Siamo in una fase iniziale.

Ci sono ancora dei problemi da superare: in particolare dobbiamo individuare una preparazione che ci garantisca un’ottimale pulizia del colon. Si tratta, poi, di una tecnica costosa, piu’ cara della colonscopia, ma questo puo’ cambiare se la tecnologia prende piede. Inoltre la videocapsula puo’ essere impiegata solo per la diagnosi, ma per asportare un eventuale polipo per ora la colonscopia rimane l’unico metodo”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!