Sclerosi laterale Amiotrofica: p…

Sono risultati positivi i…

Approvata la terza fase del prog…

Il sì del Comitato Etico …

Acido folico e Vitamina B12 prev…

L’assunzione di acido fol…

Sindrome di Down: dalla natura u…

Uno studio biochimico del…

Broncopneumopatia Cronica Ostrut…

In prossimità della XIII …

Helicobacter pylori: il suo mecc…

[caption id="attachment_8…

Degenerazione maculare senile: s…

I ricercatori dell'Univer…

E' in arrivo il picco dell'influ…

In Italia solo il 25% dei…

Cellule staminali nei topi in gr…

Gli scienziati della …

L’anestesista, medico ‘misterios…

Il ruolo dell’anestesista…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La Vitamina K, grande alleata del pancreas e del fegato.

ERK (extracellular signal-regulated kinase)

ERK (extracellular signal-regulated kinase)

la Vitamina K in combinazione con il sorafenib ha mostrato effetti anti-tumorali nel cancro del pancreas, e nel carcinoma epatocellulare.

Se somministrata insieme alla vitamina K, è stata necessaria una dose inferiore di sorafenib, il che potrebbe contribuire a frenare uno dei debilitanti effetti collaterali.

(Philadelphia) Una combinazione di sorafenib e vitamina K ha avuto un effetto in vitro su entrambi i tumori del pancreas umano e il carcinoma epatocellulare, secondo i ricercatori del Kimmel Cancer Center di Jefferson. I dati dei due studi sono stati presentati all’AACR 100th Annual Meeting 2009 di Denver.

Vitamina K1 o vitamina K2, più il sorafenib (Nexavar) hanno mostrato attività contro la crescita di cellule tumorali umane inibendo l’attività di chinasi (ERK) legata al segnale extracellulare secondo Brian Carr, MD, Ph.D., professore di Medicina Oncologia presso il Jefferson Medical College della Thomas Jefferson University. L’Erk svolge un ruolo importante nella crescita delle cellule cancerose.


Anche se il sorafenib, ha dimostrato ampiamente la sua validità nell’estendere le prospettive di vita nei pazienti con carcinoma epatocellulare (HCC, o cancro primario del fegato), eritrodistesia palmo-plantare (eritrodesia è il comune effetto negativo che colpisce circa il 20 per cento dei pazienti che ricevono il farmaco). In genere si manifesta come dolorose piaghe sulla pianta dei piedi dei pazienti che possono impedire di camminare – sostiene il Dr. Carr. Profonda stanchezza e perdita di peso si riscontra inoltre in almeno il 30 per cento dei pazienti.

Negli studi sul cancro del pancreas, il Dr. Carr ed i suoi colleghi hanno testato ogni vitamina K in combinazione con sorafenib in linee di cellule pancreatiche. Ogni associazione ha inibito la crescita cellulare, la morte cellulare indotta e diminuito l’espressione della ERK. Essi hanno scoperto che la combinazione di vitamina K e sorafenib,la dose richiesta di sorafenib per inibire la crescita delle cellule cancerose era stata diminuita del 50 per cento. Questa dose sarebbe inefficace se usata da sola.

“Così pochi agenti hanno un effetto inibente sul cancro al pancreas”, ha detto il Dr. Carr.”Una delle meraviglie della combinazione di sorafenib e vitamina K è che questi due agenti sono già approvati per uso umano.Le vitamine K non hanno effetti tossici sull’uomo (non che si conoscano), e sembrano attenuare gli effetti collaterali del sorafenib ed amplificarne i vantaggi, pertanto tale combinazione richiede meno sorafenib e quindi dosi meno tossiche “.

Nel secondo studio, la vitamina K1 anche rafforzato gli effetti del sorafenib nel carcinoma epatocellulare. Sorafenib è approvato (FDA) per il trattamento del carcinoma epatocellulare, che di solito si manifesta in un fegato cirrotico, che mal sopporta la chemioterapia convenzionale. I ricercatori in precedenza avevano dimostrato che la vitamina K è solo un debole inibitore della crescita del carcinoma epatocellulare. In questo studio, hanno trovato che la combinazione inibisce la crescita del carcinoma epatocellulare, induce la morte cellulare e diminuisce l’espressione ERK.

“Molti pazienti hanno bisogno di interrompere il trattamento con sorafenib a causa dei debilitanti effetti collaterali”, ha detto il Dr. Carr. “Se riuscissimo a ridurne la dose, più pazienti sarebbero in grado di completare il loro trattamento”.

Questi dati aprono la strada anche per i potenziali studi per valutare la combinazione di sorafenib e vitamina K come strategia di prevenzione del carcinoma epatocellulare nei pazienti che presentano un maggiore rischio di sviluppare la malattia. Questa popolazione comprende pazienti con cirrosi epatica o pazienti che hanno avuto in precedenza un intervento chirurgico per il carcinoma epatocellulare. Secondo il Dott. Carr, il tasso di recidiva dopo l’intervento chirurgico per il carcinoma epatocellulare è del 40 per cento.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x