Differenza genica tra uomo e cav…

Due importanti caratteris…

Crisi ipoglicemiche: sei settima…

Un programma di correzion…

Ictus al femminile: come preveni…

L’American Heart Associat…

Malaria: l'azione diretta su lar…

Colpire i siti di ri…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Dal 29 novembre al primo dicembr…

Il numero uno della Socie…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Tumori: il gioco chiave delle be…

Non solo predisposizione …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Studi provano efficacia antistaminici contro obestà e diabete

– I farmaci comunemente utilizzati contro le allergie e l’asma, senza obbligo di ricetta, potrebbero essere efficaci anche come trattamento per il diabete e l’obesità. E’ la conclusione che emerge da quattro studi pubblicati sulla rivista ‘Nature Medicine’.


Guo-Ping Shi e il suo team del Brigham and Women’s Hospital (Usa) hanno scoperto che le cellule immunitarie che vanno fuori controllo quando si soffre di allergia o d’asma, si possono ritrovare in grande quantità anche nel grasso sia nelle persone sia nei roditori ‘oversize’ e diabetici.



Dopo aver creato in laboratorio topi obesi e diabetici, gli esperti li hanno dunque trattati con due antistaminici (chetotifene fumarato e cromolina), rilevando miglioramenti di gran lunga maggiori quanto a controllo del peso e delle glicemia rispetto a quelli ottenuti solo con una sana alimentazione. Con taglio delle calorie e cura farmacologica insieme, inoltre, il miglioramento è stato del 100% in tutti i valori. Ora Shi e i suoi colleghi proseguiranno il lavoro con test sulle scimmie.

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune – premettono invece i ricercatori dell’università di Tokyo (Giappone) – in cui il sistema immunitario attacca per sbaglio le cellule sane. Il loro studio suggerisce che anche il diabete di tipo 2 e l’obesità potrebbero coinvolgere il sistema immunitario: Satoshi Nishimura e il suo team hanno infatti individuato una fonte di cellule immunitarie chiamate Cd8-T nei topi sottoposti a una dieta ad alto contenuto di grassi. E i roditori geneticamente modificati per essere privati di questo tipo di cellule hanno effettivamente mostrato meno infiammazione nei tessuti, anche se nutriti con molti grassi.

La patologa dell’università di Harvard (Usa) Diane Mathis ha poi individuato abbondanti cellule T nei tessuti adiposi addominali di persone e topi normopeso. Cellule che però risultano assenti in umani e animali obesi e diabetici.

In questi, infatti, è presente un’altra classe, i macrofagi, assenti in chi non ha problemi di chili di troppo. Questo potrebbe spingere l’organismo a non utilizzare correttamente l’insulina ed è possibile che proprio l’infiammazione causata dalle cellule macrofaghe porti all’insulino-resistenza. Infine, Michael Dosch dell’Hospital for Sick Children di Toronto (Canada) ha fatto una scoperta simile, suggerendo che le persone potrebbero un giorno essere vaccinate contro il diabete di tipo 2.




Roma, 27 lug. (Adnkronos Salute)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!